88U

Sito web sull'economia digitale, notizie sui giochi online

Autore: deelux

Raid Gear Aggiornamenti nella patch 9.2.5 (Stagione 4 di Shadowlands) – Notizie

La stagione 4 di Shadowlands offre aggiornamenti deterministici del bottino. Scopri di più sul sistema in arrivo nella patch 9.2.5.

Patch 9.2.5: BIS Gear Vendors, Upgradeable Raid Gear Tokens & More Loot News

  • La stagione 4 di Shadowlands sta aggiungendo Docks Grimrail Depot e Iron alla rotazione del Dungeon.
  • Tutti e 3 i raid di Shadowlands saranno rilevanti per gli ingranaggi della stagione 4.
  • Ogni settimana nella stagione 4 di Shadowlands, il raid Fated cambierà. Sono in una rotazione settimanale, fornendo bottini migliori dai raid rimanenti. Significa che la tua gilda dovrebbe concentrarsi sulla compensazione di raid che sono attualmente etichettati come “destinati”. Troverai un programma completo sollevando il calendario in-game.
  • I raid destinati sono dotati di un affisso e il bottino scende a un livello di oggetto più alto.

  • Blizzard ha sviluppato un nuovo modo deterministico per ottenere il bottino nella stagione 4. È possibile acquistare ninnoli e armi da raid da venditori vicino alla grande caveau per 1 dente da cartello sconcertante.
  • Puoi ottenere solo 3 dinari per cartello per tutta la stagione, il che significa che puoi acquistare solo 3 articoli. Il bottino venduto dai venditori ha 278-285 Livello degli articoli . Troverai maggiori dettagli su come portarli qui.
  • Boss raid eroici e mitici fatale eliminano i cyphers antichi confondenti e l’antico cypher confuso. La combinazione di 20 di loro ti consente di aggiornare gli oggetti raid destinati a qualità eroica / mitica.
    • Diciamo che acquisti un articolo dai 3 venditori in difficoltà normale, sconfiggi i boss raid destinati e lo aggiorni a una qualità eroica.

Puoi trovare un riepilogo del sistema nell’ultimo video di MRGM.

Questa galassia è una luce da 13,5 miliardi di miliardo

L’universo è un po ‘meno di 14 miliardi di anni, e perché la luce richiede del tempo per viaggiare, guardando abbastanza lontano è come guardare indietro nel tempo all’inizio dell’universo. Recentemente, un team internazionale di astronomi ha identificato l’oggetto astronomico più distante mai osservato: una galassia di 13,5 miliardi di luce, che ha formato solo 300 milioni di anni dopo il Big Bang.

La galassia è stata nominata HD1 e identificando che richiedeva una notevole pazienza e l’uso di quattro diversi telescopi – il telescopio Subaru, il telescopio Vista, il telescopio a infrarossi del Regno Unito e il telescopio spaziale Spitzer – con un totale di oltre 1.200 ore di osservazioni. La distanza dalla galassia è stata confermata usando un altro strumento, l’Atacama Grande matrice millimetro / subnillimetre (ALMA), che è una serie di 66 radiotelescopi che lavorano insieme in Cile.

Una galassia all'inizio dell'universo a 13,3 miliardi di anni luce #AstroCaffè
Era particolarmente impegnativo individuare la galassia a causa della sua estrema distanza, secondo Yuichi Harikane, un astronomo all’Università di Tokyo che ha scoperto per la prima volta HD1: “È stato molto difficile trovare HD1 su oltre 700.000 oggetti. Il colore rosso di HD1 ha abbinato le caratteristiche previste di una galassia 13,5 miliardi di luce, a distro, dandomi molto bene, dandomi la pelle d’oca quando l’ho trovato. “

Non solo è HD1 estremamente lontano, ma è anche insolitamente luminoso nella lunghezza d’onda ultravioletta. Questo suggerisce che la galassia potrebbe essere significativamente diversa da galassie di recente nata. “La primissima popolazione di stelle che formata nell’universo era più massiccia, più luminosa e più calda delle stelle moderne”, ha detto l’autore principale Fabio Pacucci in una dichiarazi1. “Se assumiamo che le stelle prodotte in HD1 siano questi primi o la popolazione III, stelle, le sue proprietà potrebbero essere spiegate più facilmente. Infatti, le stelle della popolazione III sono in grado di produrre più luce UV rispetto alle stelle normali, che potrebbero chiarire la luminosità estremamente ultravioletta di HD1. “

Quella distanza estrema rende difficile saperne di più sulla galassia, quindi perché sono state necessarie tante ore di osservazione da diversi telescopi. “Rispondere alle domande sulla natura di una fonte così lontana può essere impegnativa”, ha detto Pacucci. “È come indovinare la nazionalità di una nave dalla bandiera che vola, pur essendo lontano a riva, con la nave nel mezzo di una burrasca e una nebbia densa. Si può forse vedere alcuni colori e forme della bandiera, ma non nella loro interezza. In definitiva un lungo gioco di analisi ed esclusione di scenari non plausibili. “

La ricerca è pubblicata su due documenti nella rivista astrofisica e comunicazioni mensili delle lettere della società astronomica reale.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén