Lunedì Tiktok ha dichiarato che inizierà a lasciare alcuni account popolari negli abbonamenti addebiti da stelle di streaming video-snippet per streaming live.

Sali strumenti di guadagno in denaro sono stati aggiunti a rivali come Instagram e Facebook poiché le piattaforme di social media competono per le personalità online che attirano il pubblico.

“L’abbonamento live è un’estensione dei nostri sforzi per costruire opportunità di monetizzazione creatore diversificate che soddisfano una serie di esigenze del creatore”, ha detto Tiktok in un post sul blog.

Tiktok ha affermato che la funzione di abbonamento introdotta questa settimana sarà disponibile per i creatori solo su invito per ora, ma sarà ampliata a livello globale nei prossimi mesi. La società non ha divulgato i prezzi.

I creatori saranno in grado di passare in una modalità di chat esclusiva per gli abbonati, “migliorando una connessione ancora più personale tra creatore e spettatore”, ha affermato la società.

Per accedere alla funzione di abbonamento in diretta, i creatori dovranno avere almeno 18 anni, mentre gli utenti dovranno avere almeno la stessa età per iscriversi, ha detto Tiktok nel post.

Gli abbonati Perks includeranno badge digitali e, in alcuni casi, la possibilità di controllare gli angoli della fotocamera durante le sessioni in streaming, secondo i post di video clip dei creatori di Tiktok invitati a prendere parte.

xQc Reacts to tik toks that made you lose NNN???????????? | xQcOW
Tiktok all’inizio di questo mese ha annunciato un programma di condivisione delle entrate pubblicitarie con i più importanti creatori della piattaforma di social media, avvicinandosi a un modello già utilizzato dai suoi concorrenti.

L’app in formato a breve video è diventata molto popolare negli ultimi anni con oltre un miliardo di utenti attivi a livello globale, ma è stata criticata per non aver fornito un modo per i creatori di monetizzare efficacemente i contenuti.

Nell’ambito di un programma di impulsi Tiktok che verrà implementato negli Stati Uniti il mese prossimo, le aziende possono inserire i propri annunci accanto ai contenuti dell’utente in specifiche categorie e i creatori avranno un taglio.

“Inizieremo a esplorare il nostro primo programma di azioni pubblicitarie con creatori, personaggi pubblici ed editori di media”, ha dichiarato la società, una filiale della società tecnologica cinese Bytedance, in una nota.

Altri importanti social network che si concentrano sul video, come YouTube, Instagram e Snapchat, hanno già implementato sistemi di condivisione delle entrate.